Sommerso dalla burocrazia per l’apertura della tua nuova attività?

Se devi aprire un’attività e non sai da dove cominciare, o lo hai appena fatto, vieni da noi, ci occuperemo di tutti quei servizi che per te e la tua azienda sono una irrecuperabile perdita di tempo.

Sai quali sono gli aspetti da prendere in considerazione per avviare la tua attività? Ti elenchiamo i fondamentali!

Gli adempimenti iniziali

  • Verifica e attenzione ai locali di destinazione d’uso: occorre verificare la destinazione d’uso, l’agibilità, l’assenza di vincoli urbanistici, presenza di requisiti previsti dalle ASL (soprattutto per gli esercizi che trattano beni alimentari), la presenza dei progetti e dei certificati di conformità degli impianti.
  • Formazione: se gli esercizi sono destinati al trattamento, preparazione e/o somministrazione di prodotti alimentari, occorre preliminarmente all’apertura redigere il manuale HACCP ed aver effettuato un corso di formazione per addetti o responsabili (HACCP). Per le attività con più soci o dipendenti occorre la formazione obbligatoria prevista dal D.Lgs. 81/08 in materia di igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro.
  • Obblighi amministrativi: Occorre l’iscrizione alla C.C.I.A.A., all’INPS e all’INAIL oltre a alla richiesta di Partita IVA. Adempimenti relativi al D.Lgs. 81/08, alla normativa di Prevenzione Incendi, di igiene e sicurezza deli alimenti (es. ristoranti, bar ecc.).
  • Apprestamenti in materia di sicurezza e antincendio: Presidi antincendio (es. estintori) segnaletica di sicurezza, planimetrie di emergenza, cassetta di pronto soccorso.
  • Comunicazione di inizio attività: Tramite il SUAP di competenza.

Gli adempimenti in materia di Salute e Sicurezza sul lavoro

  • Stesura del Documento di Valutazione dei Rischi (per le nuove attività entro 90 giorni dall’apertura);
  • In alternativa al punto sopra è possibile effettuare la autocertificazione di avvenuta presa visione dei rischi presenti in azienda (da effettuarsi immediatamente all’apertura dell’attività) secondo i parametri di Legge (prevista fino a 10 lavoratori, come dal art. 29 comma 5 del Dlgs 81/2008);
  • Nomina del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai Rischi (R.S.P.P.) che può essere lo stesso Datore di Lavoro, con conseguente obbligo di seguire un corso di formazione di 16/32/48 ore oppure un RSPP interno non Datore di lavoro. La nomina del RSPP può essere effettuata anche nei confronti di un soggetto esterno (vedi Dlgs 81/2008 ed Accordo Stato Regione del 21/11/2011);
  • Nomina di uno o più addetti al primo soccors e gestione emergenze e uno o più addetti antincendio ed evacuazione per ogni ambiente di lavoro dell’Attività. Tali addetti dovranno conseguire attestati dopo aver seguito gli appositi corsi. Nel caso di Aziende con meno di 5 dipendenti il Datore di Lavoro che non ha assunto l’incarico di R.S.P.P. può essere l’addetto antincendio e l’addetto al primo soccorso, seguendo gli appositi corsi.
  • I lavoratori dovranno eleggere il proprio Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza con verbale di assemblea e conseguente verbale di elezione o, in caso di mancata elezione, redigere apposito verbale. Nel caso non vi sia stata l’elezione del RLS. l’Azienda avrà assegnato il RLST cioè il Rappresentante Territoriale fornito dall’INAIL o da Enti Paritetici. Nel caso il RLS sia stato eletto tra i lavoratori la persona designata dovrà seguire un corso di 32 ore.
  • Il Datore di lavoro dovrà effettuare (o far effettuare da altre strutture individuate come idonee dallo stesso) la Formazione ed Informazione dei dipendenti sulla natura generale dei rischi presenti in azienda, sui rischi specifici a cui il lavoratore è esposto in quella particolare Azienda e sulle misure di prevenzione adottate.
  • Nomina del Medico Competente: nei casi previsti dalla normativa nazionale vigente (o se il singolo lavoratore lo richieda e il medico competente lo ritenga pertinente).
  • Adottare idonei Presidi di sicurezza ed in particolare mezzi estinguenti idonei e cassette di primo soccorso per ogni unità lavorativa e provvedere alla manutenzione puntuale di questi. Importante è inoltre dotarsi di adeguata cartellonistica di sicurezza per individuare i luoghi dove sono presenti gli estintori, le cassette di primo soccorso, le vie di fuga, le uscite di sicurezza etc..
  • Provvedere ove necessario alla consegna dei D.P.I. (Dispositivi di Protezione Individuale) con firma dell’apposito verbale di consegna.
  • Mettere a norma l’ambiente di lavoro con le verifiche periodiche dell’impianto elettrico, della messa a terra, mediante l’utilizzo di attrezzature ergonomiche, adeguata illuminazione, etc..
  • Fare le eventuali analisi strumentali ove previsto ovvero in presenza di rumore, vibrazioni, emissioni in atmosfera etc. oltre i valori limite consentiti.
  • Sono da considerarsi a tutti gli effetti lavoratori: lavoratori con contratto di lavoro subordinato, lavoratori con contratto atipico (a progetto, coordinati e continuativi che prestano attività nei luoghi forniti dal committente, lavoratori distaccati, somministrati etc.), lavoratori a domicilio se svolgono attività in forma esclusiva per un solo datore di lavoro, lavoratori a tempo parziale, lavoratori stagionali, operai a tempo determinato nel comparto agricolo.
  • Non sono da considerarsi lavoratori ma sono destinatari delle misure di tutela della salute e sicurezza: i collaboratori familiari, i tirocinanti, lavoratori a tempo determinato assunti in sostituzione di altri lavoratori assenti con diritto di conservazione del posto, gli allievi di istituti superiori o università, lavoratori che forniscono prestazioni occasionali, lavoratori a domicilio se non svolgono attività in forma esclusiva per un solo datore di lavoro, i volontari, i lavoratori autonomi, i collaboratori, i lavoratori a progetto che non svolgono attività nei luoghi di lavoro del committente, i lavoratori in prova. Essendo però tali lavoratori destinatari delle tutele di sicurezza il Datore di lavoro deve provvedere agli adempimenti minimi previsti dal D.Lgs 81/08 e 106/09.

Edificabile Global Service è anche e non solo:

  • Ristrutturazione locale
  • Allestimento p.v.
  • Smaltimento rifiuti
  • Pulizia ed igiene locali e piani di lavoro (Haccp)

Pensi di aver bisogno del nostro supporto? Chiamaci!